Una Giornata perfetta

Qualche mese fa un nostro cliente stava cambiando il suo modello di business per raggiungere nuovi mercati, questa sfida ci fatto riflettere e ripensare all’architettura della soluzione.

10 ott 2014

“Una giornata perfetta “ è il titolo di un post di Mauro Servienti sul suo seguitissimo Blog con cui abbiamo condiviso una giornata di consulenza per approfondire e implementare nei nostri nuovi progetti i concetti di Architettura Esagonale

 

Qualche mese fa un nostro cliente stava cambiando il suo modello di business per raggiungere nuovi mercati, questa sfida ci fatto riflettere e ripensare all’architettura della soluzione.

 

Fino ad allora avevamo sfruttato i vantaggi della modellazione tramite Domain Driven Design e l’uso di un domain model. Nonostante l’efficacia di questo approccio avevamo alcune limitazioni e complessità che faticavamo a gestire. CQRS e Event Sourcing ci sono sembrati una possibile la soluzione ai nostri problemi.

 

CQRS è un pattern che prevede di dividere il modello di lettura da quello di scrittura per gestire meglio la complessità.
Event Sourcing invece assicura che tutte le modifiche apportate allo stato di applicazione siano memorizzate come una sequenza di eventi. Una volta memorizzati questi eventi non solo possono essere interrogati ma, possiamo anche usare il registro per ricostruire gli stati passati.

 

Per verificare se le nostre intuizioni erano correte abbiamo deciso di aprirci ad un confronto chiedendo una consulenza a Mauro Servienti, CTO & Partner di Managed Designs S.r.l., sicuramente una delle persone più indicate allo scopo, essendo riconosciuto a livello internazionale come esperto di architetture software.

 

Insieme a Mauro abbiamo cercato di rispondere concretamente alle domande che ci eravamo posti, costruendo una giornata intensa basata sulla discussione di scenari reali.

 

La cosa più interessante (anche a detta di Mauro) è stato lo svolgersi della discussione.

 

Sulla nostra parete-lavagna*  abbiamo potuto mettere a punto una sorta di analisi visuale dello scenario, disegnare, cancellare, spezzare, spostare, ci ha permesso di comprendere come modellare l’intero sistema.

 

Questo approccio ci ha permesso di capire come la nostra architettura tradizionale dovesse evolvere verso un’architettura esagonale corredata da CQRS e Event Sourcing.

 

Ecco una cosa che ci entusiasma. Capire le esigenze del nostro cliente e metterlo in condizione di rispondervi.

 

Può esistere un motivo più stimolante di questo per cercare sempre di migliorarci?